Benvenuti sul blog di cronoriflessologia

  • Temi del blog: cronoriflessologia, psicobiologia del trauma emotivo, riflessioni e strategie di sopravvivenza per vivere più leggeri

giovedì 19 giugno 2014

Mente Errante e senso di colpa

Fonte immagine: archivio Di Spazio
Uno dei programmi più invasivi della Mente Errante è quello relativo al senso di colpa; dove si traccia la sottile e invisibile linea di confine tra ciò che mi appaga e la dedizione al mio prossimo? Se faccio qualcosa che mi piace significa che sono un terribile egoista? Nel dubbio, allora, cerco di negare i miei bisogni per dedicarmi alla continua attenzione verso le esigenze altrui. Chi stabilisce il giusto equilibrio fra i miei desideri e la cura degli altri? La Mente Errante, per sua ancestrale natura, è egoista e chiede costante obbedienza da parte della vittima.
Allo stesso tempo, se intuisce che il prigioniero è sensibile al tema della colpa e del senso eccessivo di responsabilità, lo aggredisce con messaggi intrusivi e distruttivi. "Sei sicuro di aver fatto abbastanza per evitare quella cosa? Sei sicuro di non aver trascurato i tuoi cari nel momento del bisogno? Sei sicuro di aver fatto le scelte giuste quella volta che...?". Il mantra negativo può continuare all'infinito senza risoluzione o perlomeno fino al momento in cui la vittima non si ribella e cerca di identificare momenti nella sua esistenza che scatenano il senso di colpa; il processo di guarigione dal veleno della Mente Errante passa sempre attraverso l'identificazione del disagio (senso di colpa per quella volta che...) e l'intervento operativo per spostarsi da quella credenza negativa: il processo di spostamento presuppone il ricorso all'Azione.

lunedì 2 giugno 2014

Indecisione e Mente Errante

Fonte immagine: archivio Di Spazio
L'indecisione in alcune circostanze della vita ha il negativo potere di porre l'umano in una condizione di smarrimento e paralisi. Il nostro ostile compagno di viaggio, la Mente Errante, percepisce con estrema rapidità lo stato di indecisione della sua vittima per spingerla non a un'azione, ma sabotando ogni transizione alla Realtà con il mantra inibitorio dell'errore e del possibile fallimento.
In questo modo viene rinviata quella che noi chiamiamo decisione, cioè il passaggio operativo a una determinata azione dopo una ponderata fase di riflessione,
Ma la Mente Errante sposta in avanti nel tempo questo passaggio, generando scenari virtuali che si sovrappongono e dove l'aspettativa di un risultato positivo viene vanificata dalle ombre del dubbio. In altre parole, cosa devo fare?
Anche in questo caso, come già ribadito nell'ebook Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione, bisogna esprimere nel Reale il nostro intento anche con il concreto rischio di sbagliare: meglio l'errore rispetto alla non-azione.

martedì 13 maggio 2014

Anima e Corpo: Dualismo Inscindibile (Workshop Nutriva 2014)

Fonte immagine: www.cabassi-giuriati.it
Dal 26 al 28 settembre 2014 si terrà il Workshop Nutriva 2014 presso l'albergo Bad Moos a Sesto in alta Val Pusteria (Bz).
In questa occasione verrà dato spazio a conferenze con relatori molto conosciuti nel panorama del mondo olistico, ma anche a intermezzi con meditazione, bagni, escursioni in montagna.
Il workshop è un'occasione per tutti, relatori e partecipanti, di condividere momenti di apprendimento e  di scambio culturale.
Il panorama splendido delle Dolomiti arricchisce e consolida questo incontro legato alla nutrizione di anima e corpo.
Per gli interessati presenterò una relazione dedicata ai sabotaggi della Mente Errante, tema del mio ultimo ebook Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione. 
Il Workshop Nutriva 2014 è aperto a tutti gli Operatori del Benessere, che possono richiedere la partecipazione all'indirizzo: info@cabassi-giuriati.it
Vi aspetto numerosi per condividere un fine settimana stimolante e ricco di passione per la Green Medicine!

venerdì 25 aprile 2014

Ebook "Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione"

Fonte immagine: dispazioebook(shop)
L'ultimo ebook, quello dedicato alle strategie per combattere i sabotaggi della Mente, è stato caricato oggi, 25 aprile 2014.
La scelta non è casuale poiché sottolinea simbolicamente la coincidenza con un giorno dedicato alla liberazione. In questo manuale operativo il tema affrontato è quello delle trappole operate dal nostro compagno di viaggio, la Mente Errante, un fantasma senza forma che ci abita per tutto l'arco dell'esistenza. L'addestramento suggerito in questa guida è preceduto da un elenco dei programmi virali che il Dominatore lancia contro di noi, vittime inconsapevoli di questo tossico incantesimo.
"Positive Making" suggerisce nel titolo come arginare l'invadenza di questo Nemico interiore: solo attraverso la forza inarrestabile dell'Azione possiamo scardinare le pareti invisibili del labirinto virtuale; solo attraverso la transizione nel Reale siamo in grado di silenziare il ripetitivo e ossessivo monologo di chi ci controlla e sabota la nostra ribellione.

domenica 20 aprile 2014

Combatti la Mente Errante

Fonte immagine: keypaxx.wordpress.com
Se la parte buona della Mente, quella Pianificante, ci consente di intraprendere e portare a termine il progetto pianificato, la parte oscura, la Mente Errante, si comporta come il Drago Famelico delle antiche fiabe. La grande bugia che ci accompagna per tutto l'arco della vita è la remissiva identificazione con questo fantasma annidato dentro di noi in ogni anfratto; questa docile obbedienza ai comandi arbitrari del Censore Interiore sabota continuamente il passaggio all'Azione, quella salvifica transizione che ci sposta dalle regioni virtuali del Pensato all'orizzonte senza fine dell'Agìto.
Ricorda di combattere con costanza e disciplina il mostro senza forma e fallo ogni giorno della tua vita: la tua lotta allontana lo spettro della senescenza precoce e l'irrigidimento dei tuoi talenti.
Nutri il tuo Cuore e sarai ricco, soddisfa la Mente e sarai mendicante!

giovedì 3 aprile 2014

Il giudizio transgenerazionale della Mente Errante


Abbiamo già illustrato in un post precedente che l'evento traumatico non viene fissato per effetto della semplice esposizione, ma si cristallizza nel tempo a opera della Mente Errante che genera un giudizio inappellabile su quanto è avvenuto.
Questa informazione tossica viene registrata in quella che definiamo memoria cellulare; il gene reminescente perpetua il giudizio e lo consegna alle generazioni successive. L'informazione genetica si compone caratteristicamente di tre distinti elementi: nel caso di un lutto viene fissato il distretto anatomico sede della malattia (per esempio il nonno deceduto per un fatale trauma cranico), il tempo anagrafico (nonno mancato in 65° anno di età, padre in 31°) e il giudizio (il padre si sente in colpa verso il nonno per non averlo perdonato). Il discendente porta con sé un inspiegabile senso di colpa, soffre di emicrania episodica e ha avuto un incidente in moto a 30 anni (31° anno) con frattura della clavicola destra.

domenica 16 febbraio 2014

La Mente Errante e la sindrome del vicolo cieco

Fonte immagine: elaborazione grafica a cura di Krizia Cisotto
Infiniti sono i programmi virali generati dalla Mente Errante per imprigionare la vittima (noi umani abitati da questo dispositivo biologico temibile).
Uno dei più micidiali programmi è quello che chiamo la sindrome del vicolo cieco: viene attivato in circostanze molto turbolente della vita e possiede la capacità di minare in tempi brevissimi le risorse psichiche e fisiche dell'individuo.
Si basa sul sistema procedurale della Mente che segue una logica binaria, molto simile a quella sfruttata per l'intelligenza artificiale; abbiamo a disposizione solo due opzioni di scelta, bianco o nero, 0 o 1.
Non ci vengono proposte altre variabili e siamo condizionati da questa scelta binaria, peraltro decisa e imposta dalla nostra Mente.
Ma le opzioni generate nell'universo virtuale sono soltanto comandi rigidi che non tengono conto dei canali di Realtà a cui bisogna accedere per scoprire che le scelte non sono due, ma infinite.

Come raggiungere l'Ambulatorio di Omeopatia Dr. Di Spazio

Tag Cloud (etichette)

A (1) adattogeno emozionale (1) Age-Taping (2) AgeGate Code (2) Akasha (1) Albero genealogico e traumi (1) Anne Ancelin Schuetzenberger (2) Aquanesting (3) arte dello spostamento (1) Attacchi di panico (1) azione positiva (4) biotimemachine (4) breviario di cronoriflessologia (1) Brian Weiss (1) Bruce Lipton paura (1) campi e.m. deboli (1) cattivo suggeritore (1) cellula tumorale (1) chakra del tempo (1) Chirone (1) chronoloop (1) ciclicità (1) convegno MyLife 2010 (1) Convegno Sirmione 2013 (1) corpo come astronave (1) corteccia entorinale (1) credenze (2) cronocettore sistemico (1) cronoriflessologia (3) cronoriflessologia plantare (4) cyber-therapy (1) Destino (1) Ebook (2) Ebook "Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione" (1) ebook gratuito (1) Edward Bach (2) Ego rettiliano (1) elettrosmog (2) Elettrosmog e Fiori di Bach (1) emozioni (2) Empaticità (1) Erich Koerbler (2) età-chiave (1) eventi avversi (1) eventi traumatici (1) fiori di Bach (1) fiori di BachI (1) Floriterapia (1) floriterapia transdermica (1) flowertaping (1) Francoise Dolto (1) fratture ossee (1) genealogia (1) Giudizio della Mente (1) giudizio della Mente Errante (1) Gli Gnomi dei Fiori Guaritori (4) Gregg Braden (1) I (2) i 24 chakra del tempo (2) igiene emozionale (2) il corpo non dimentica (1) Il Mantra dell'Azione (1) il non detto familiare (1) il pianto ciclico del lattante (2) il Presente (1) il Suggeritore (1) incidente (1) incidenti (2) inconscio transgenerazionale (1) indecisione (1) inversione della sequenza causa-effetto (1) ipospadia (1) key-age (1) Kitaro (1) L (1) la mappa dei traumi emotivi sul piede (1) la tecnica del pesce scivoloso (1) la tecnica del tronco disteso (2) Le polmoniti di marzo. Il gene emozionale (1) legge di attrazione (1) legge di attrazione temporale (1) lutto negato dell'aborto (1) macropinna microstoma (1) Mantra dell'Albero Senza Nome (1) Massimiliano I (1) materializzare le emozioni (1) matrix transformation (1) meccanismi di protezione (1) Medicina del Quando (1) memoria ancestrale (1) memoria somatica (1) memorie genetiche (1) mente (6) mente errante (8) musicoterapia (2) neutrini muonici (1) numero 27 (2) numero sette (2) offline (1) orbs (1) Osiride (1) Out of Me (8) Out-of-Me (2) passato reversibile (1) paura (2) pensiero positivo (1) plasma spazio-tempo (8) Predoi (1) proiezioni mentali (1) psicologia energetica (1) PTSD (1) punto cronoattivo (1) Puppentherapie (1) qui e ora (1) rame (1) Richard Bartlett (1) riflesso posturale (1) rino capitanata (1) rivoluzione ecosensibile (1) Robert St John (1) salvagenti (1) segni di Koerbler (2) sensibilità empatica (1) senso della leggerezza (1) senso di colpa (1) separazione (1) sfida evolutiva (1) sindrome d'anniversario (1) sindrome del vicolo cieco (1) Sms Emozionale (1) solvitur ambulando (1) speleoterapia (6) stress (1) successo (1) tabù familiare (1) tempo e spazio (1) tempo interstiziale (1) Tempo invertito (1) tempo non-lineare (1) tempo post-riproduttivo (2) tempo quantistico (2) tempo quantizzato (1) Tempo-che-non-scorre (1) teoria ciclica conforme (1) terapia metamorfica (1) terapia realtà virtuale (1) test cronoposturale (2) traumi (1) Ty Ziegel (1) umanoidi (2) Vademecum naturale per chi ha perso il seno (1) viaggio esteriore (2) Vincenzo Di Spazio (1) visualizzazione (2) vita di coppia (1) vivere più leggeri (1) workshop Nutriva 2014 (1)

Il Canto degli Antenati (video)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)
La Sensibilità Chimica Multipla (MCS) è una sindrome immuno-tossica infiammatoria simile, per certi versi, all’allergia e molto spesso scambiata con essa, poiché i sintomi appaiono e scompaiono con l’allontanamento dalla causa scatenante, ma le sue dinamiche e il suo decorso sono completamente diversi, ovvero si perde per sempre la capacità di tollerare gli agenti chimici (questo dal I° stadio). E’ una sindrome multisistemica di intolleranza ambientale totale alle sostanze chimiche, che può colpire vari apparati ed organi del corpo umano: “Le sostanze chimiche danneggiano il fegato e il sistema immunitario sopprimendo la mediazione cellulare che controlla il modo in cui il corpo si protegge dagli agenti estranei; i sintomi si verificano in risposta all'esposizione a molti composti chimicamente indipendenti e presenti nell'ambiente in dosi anche di molto inferiori da quelle tollerate dalla popolazione in generale”.